OGGI.IT
| | | Le tangenti prese con filosofia
Testata
11.5.2012

Le tangenti prese con filosofia

Scritto da in Promette bene | Permalink

Inizia così: “Scusi lei ruba? No? Ecco, neanch’io. Siamo già in due. Ripartiamo da qui”. Così Piercamillo Davigo, vent’anni dopo Mani Pulite, la grande inchiesta di cui fu uno dei protagonisti, risponde all’adagio qualunquista secondo cui “tutti rubano” ritornato drammaticamente d’attualità. Sì, dovremo ripartire proprio da tutti quelli che, anche se fossero pochi, non rubano, oppure non pagano, o non ricevono tangenti.

Da anni Armando Massarenti sulle pagine del supplemento domenicale del Sole 24 Ore risolve questioni di vita quotidiana in apparenza inestricabili. Immaginate quei gomitoli di lana con cui ha giocato un gatto e sono annodati e incasinati semza che si capisca dove inizino e dove finiscano. Ecco, Massarenti con pazienza, la stessa che ci vuole per dipanare l’imbroglio, con la sola forza del ragionamento si mette con calma ad analizzare. E trova sempre la via d’uscita. Che non è mai la più semplice. Tutto ciò con filosofia, non in senso metaforico, ma professionale. Il riferimento costante è a pensatori dalla mente libera e, quasi sempre di conseguenza, idee brillanti.

Inquesto nuovo libro tutto parte dalla percezione di un ribaltamento. Immaginate la frase “chi non paga, prende o chiede tangenti è uno sfigato” che tante parte del mondo isistuzionale e politico non pronuncia, ma vive con spensierata indegnità. Esprime l’atteggiamento che Massarenti affronta. E ha guarda come possa essere avvenuto che dal 1992, quando tangente o dazione erano parole deprecabili, a oggi siami finiti così male. Raccogliendo alcuni saggi scritti da allora Massarenti propone un ragionamento che il titolo esprime alla perfezione: Perché pagare le tangenti è razionale ma non conviene. Del libro, pubblicato dalla casa editrice Guanda, vedete qui sotto la copertina:

Passando in rassegna posizioni sia libertarie sia utilitariste (attenzione, utilitarismo non vuol dire opportunismo o cinismo; l’utilitarismo è una filosofia complessa che vuole distruire più bene possibile a tutti secondo regole variabili), passando in rassegna dicevo Massarenti entra nel nocciolo del problema. E invita non fermarsi alla prima risposta, più banale: pagare le tangenti è razionale. Lui spiega perché non conviene. E, perché sia meglio puntare partire proprio da tutti quelli che, anche se fossero pochi, non rubano, oppure non pagano, o non ricevono tangenti.

Anche in un Paese dove se metti la parola tangenti in google news (l’ho fatto pochi istanti fa) trovi quasi mille risultati già alle 14.30 in un giorno qualsiasi. Servono buoni esempi. E parole giuste, come quelle raccolte in questo libro.

 


Scrivi un commento
*la tua mail
non sarà visibile

I più visitati
Categorie
Ultimi commenti
Tag Cloud
Archivio blog
l m m g v s d
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  
Gli altri blog
Segui e condividi
Io Donna
leiweb consiglia
leiweb promotion
buy now